Emotività: quanto conta nella selezione del candidato?

Quanto è importante la parte “emozionale” nella selezione del candidato ideale?

Le persone o in gergo tecnico “risorse umane” sono e rappresentano il tesoro più prezioso di ogni azienda.

Diamo sempre molta importanza alla parte tecnica/professionale di una persona ma quanto invece è importante la parte “emozionale” di un collaboratore?

Ogni persona nella propria vita sia personale che professionale manifesta determinate caratteristiche che si identificano sulla base di valori, modelli comportamentali ed emotività.

Questi ingredienti determinano la maniera in cui viene percepito e vissuto un certo tipo di ambiente o circostanza ed il modo con cui si reagisce alle diverse circostanze/situazioni. Le azioni o reazioni possono influenzare il quotidiano, i rapporti interpersonali, a volte addirittura in maniera inconsapevole. Ogni essere umano possiede una caratteristica ed un comportamento a sé che lo contraddistingue da un altro individuo.

Nell’ambito lavorativo è fondamentale saper gestire le proprie emozioni ed azioni; infatti la gestione di questi elementi viene considerato un requisito necessario ed importante, soprattutto in contesti dove lo stress e le problematiche quotidiane sono all’ordine del giorno. Saper condurre ed essere coscienti dei propri comportamenti, valori e sentimenti è un atteggiamento essenziale per poter cooperare, contribuire a relazionarsi con i colleghi, superiori, clienti, altro e soprattutto per il raggiungimento degli obiettivi e per la produttività personale ed aziendale.

Individuare il profilo di un candidato attraverso tutti questi aspetti, includendo i punti di forza, le aree di miglioramento, aiuta il selezionatore a comprendere meglio il talento individuale, l’unicità della persona ed a come potrebbe essere inserito in un contesto aziendale.

Imparare a conoscere i propri collaboratori permette non solo di individuare il loro potenziale ma soprattutto di apprezzare e conoscere a fondo il loro talento e valore aggiunto. Questo fa sì che un’azienda possa crescere migliorarsi e sviluppare un ambiente sano ed equilibrato.

Autore Francesca Belleno